Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Alla cena dell'Agnello

L’inno che allieta con la sua melodia le sere del tempo pasquale è una lettura chiara del mistero di Cristo cui i credenti partecipano nei riti della Pasqua.  Ad cenam Agni providi, stolis salutis candidi, post transitum Maris Rubri, Christo canamus Principi A cena con l’Agnello, rivestiti di vesti candide, dopo il passaggio del mar Rosso, cantiamo a Cristo, il Principe!   Il primo rilievo che diamo a questo inno deriva dal soggetto e dall’azione che si compie nella prima strofa. I credenti cantano al Principe, Cristo. Il "noi" del canamus riporta immediatamente alla preghiera comunitaria che si esprime nella liturgia delle ore. L’articolazione della preghiera cristiana, da questo aggettivo, rimanda subito al suo fulcro di origine. I cristiani pregano «come Cristo», su suo comando e con le sue parole. Il comando di Cristo e degli apostoli sulla preghiera nello Spirito e per mezzo di Lui non ha quindi un carattere di

Ultimi post

Lo stylum paschale

La Croce

Gli studi liturgici. Premesse di metodo