domenica 9 agosto 2015

Mare calmo

Se un giorno siamo assaliti da prove inevitabili, ricordiamoci che è stato Gesù ad ordinarci di prendere la barca poiché vuole che lo precediamo sull'altra sponda. È impossibile infatti per chi non ha sopportato le onde e il vento contrario di giungere a quella sponda. Così, quando ci vedremo circondati da difficoltà molteplici e faticose, stanchi di navigare in esse con la povertà dei nostri mezzi, immaginiamo che la nostra barca è in mezzo al mare, agitata dalle onde che vorrebbero vederci «fare naufragio nella fede» (cf. 1 Tm 1, 19) o in qualche altra virtù. E se sentiamo il soffio del maligno accanirsi contro le nostre imprese, diciamoci che in questo momento il vento è contrario.
Quando, dunque, in mezzo a queste sofferenze, avremo sopportato bene le lunghe ore della notte oscura che regna nei momenti di prova, quando avremo lottato con tutte le nostre forze, stando attenti a evitare « il naufragio della fede » ..., possiamo essere certi che verso l'ultima parte della notte, « quando la notte sarà avanzata, e il giorno vicino » (cf. Rom 13, 12), il Figlio di Dio verrà verso di noi camminando sulle acque, per rendere per noi il mare calmo. 

Origene


Nessun commento:

Posta un commento

Astitit Regina! La regalità di Maria e la Chiesa regina eterna

Santa Maria antiqua al Foro romano, la Theotokos in trono Dopo la riapertura del meraviglioso sito d...