giovedì 27 giugno 2013

Praesentem mihi te semper intueor

Anche se assente con il corpo,
ti vedo sempre a me presente,
perché porto,
impressa nell'intimo del cuore,
l'immagine del tuo volto.

Etiam absentem corpore,
praesentem mihi te semper intueor,
quia vultus tui imaginem
intra cordis viscera impressam porto.



San Gregorio Magno, Lettere I, 41, Editrice Città Nuova, Roma 1996, p.197

Nessun commento:

Posta un commento

Mistica e mistero. La dimensione sacramentale nella vita della Chiesa

Introduzione La riflessione che la Chiesa e i liturgisti hanno compiuto sul concetto di mysterion è delineato facilmente se solo si appr...