martedì 14 maggio 2013

"La grandezza e terribilità di Michel Agnolo, la piacevolezza e venustà di Raffaello, et il colorito proprio della Natura"

Vi propongo uno stralcio di alcune mie righe dedicate alle mostra su Tiziano presso le Scuderie del Quirinale di Roma.



Un lungo ponte per la festa della liberazione e si moltiplicano a Roma, nonostante le condizioni meteorologiche, le opportunità per entrare in contatto con l'arte.
 
Dopo aver sfondato le linee di passeggini, fanciulli zainati e anziani dinamici che si stagliano con i loro accenti e le loro culture sulle paraste, i colori e le linee imprevedibili dell'architettura romana, si riesce a raggiungere con una serie di gradini lievi e raffinati, anche se destinati evidentemente ai cavalli della corte pontificia, lo splendore, espressione di un genio.

Il resto della mia recensione è disponibile su Criticaletteraria.org

Nessun commento:

Posta un commento

La vocazione di san Matteo

Non sono uno storico dell'arte e non sono un'esperto. Quindi da non addetto ai lavori mi accosto a un dipinto complesso e sudiatiss...