domenica 14 aprile 2013

Arte e Liturgia

"Nell'arte sacra non c'è spazio per l'arbitrarietà pura. Le forme artistiche che negano la presenza del Logos nella realtà e fissano l'attenzione sull'uomo, sull'apparenza sensibile, non sono conciliabili con il senso dell'immagine della Chiesa. Dalla soggettività isolata non può venire alcuna arte sacra. Essa suppone piuttosto il soggetto interiormente formato dalla Chiesa e aperto verso il noi. Solo così l'arte rende visibile la fede comune e torna a parlare ai cuori dei credenti"

J. Ratzinger, Introduzione allo spirito della liturgia, San Paolo, Cinisello Balsamo 2001, 130.



Nessun commento:

Posta un commento

Mistica e mistero. La dimensione sacramentale nella vita della Chiesa

Introduzione La riflessione che la Chiesa e i liturgisti hanno compiuto sul concetto di mysterion è delineato facilmente se solo si appr...