sabato 26 gennaio 2013

Cristianesimo e cultura (seconda parte)

 Dialogo, confronto e preservazione della propria identità
 
La moderna società, post-bellica, industrializzata e consumistica, caratterizzata da un pensiero debole e da categorie espresse nella nota formula di “realtà liquida”, porta con sé, a causa dei totalitarismi, delle ideologie, filosofiche e politiche, le conseguenze di una decostruzione culturale e religiosa. Anche realtà attuali della Chiesa come il Cortile dei Gentili, l’impegno per la nuova evangelizzazione e lo stesso Anno della Fede, in tutto quello che di buono propongono e promuovono sono, a nostro parere, il segno di un Cristianesimo che ha il fiato corto, in cui i riferimenti alla Rivelazione, alla vita cristiana si sono sempre più assottigliati fino ad una drammatica perdita di senso e di orientamento in un mondo che alla religione continua ad offrire surrogati di religiosità e di “fede”.  Alla luce di queste e di alte problematiche si percepisce sempre più il peso di una certa linea di pensiero che si convince, nel raffronto o nel dialogo con le altre correnti religiose o confessioni di fede, a ritenere che il dio cercato e riconosciuto dalle diverse religioni del mondo alla fine, sia, per caratteristiche intellettuali, immagini o concetti comune a tutte le religioni. Accomunare il Dio di Gesù Cristo ad altre divinità o all’espressione di altre fedi è il segno di una superficialità che non si concilia con il mistero pasquale operato da Cristo. L’essenza divina, dalla parte di Dio, per così dire, è sempre la stessa, è dalla parte dell’uomo che sussistono le differenze. In questo credo si debba riconoscere l’autenticità e la differenza del Cristianesimo, per le sue istanze e le sue dinamiche interne, rispetto alle altre religioni, anche monoteistiche. A differenza del passato, il contesto odierno è segnato da una crescente incertezza al momento di dover riconoscere i caratteri essenziali di una religione e valutarne i rapporti con la filosofia, la cultura, la società civile. Da tale dibattito non è esente lo stesso Cristianesimo il quale si trova nella necessità di contribuire a chiarire cosa sia una religione. Il percorso proposto ha cercato di presentare degli elementi significativi per realizzare questo chiarimento.

Nessun commento:

Posta un commento

Astitit Regina! La regalità di Maria e la Chiesa regina eterna

Santa Maria antiqua al Foro romano, la Theotokos in trono Dopo la riapertura del meraviglioso sito d...